Hello & Welcome to our community. Is this your first visit? Registrazione
Follow us on
Follow us on Facebook Follow us on Twitter Watch us on YouTube
+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3
Like Tree5Likes

Discussione: “LUI È UN MOSTRO, È UNA BESTIA” By Willa & Joie

  1. #1
    Mod. DOC. e APPROFONDIMENTI
    L'avatar di Grazia28
    Registrato dal
    Oct 2009
    Messaggi
    843

    “LUI È UN MOSTRO, È UNA BESTIA” By Willa & Joie

    “Voglio dire ai lettori di non giudicare qualcuno in funzione di quello che sentono, o ciò che leggono, senza averlo sentito dalla bocca della persona interessata. La stampa è così sensazionalistica. Non cadete nella trappola, è brutto. Vorrei prendere tutti i tabloid e bruciarli. Loro vogliono pubblicare solo quello! Alcuni provano a mascherarsi, ma rimangono sempre dei giornali scandalistici.” (Michael Jackson - Intervista magazine VIBE 2000)

    Willa&Joie dal loro Blog “Dancing With the Elephant”, alla luce delle ultime accuse contro Jackson, analizzano la situazione attraverso l’arte stessa di Michael. La sua unica e vera voce.

    Grazia28
    Buona lettura.

    ***
    “LUI È UN MOSTRO, È UNA BESTIA”
    By Willa & Joie



    Pubblicato: 15 maggio 2013

    Willa: Joie, so che abbiamo sempre teso a stare lontano dalle ultime notizie e storie sensazionali, che è abbastanza giustificato. A causa di tutto questo è molto facile farsi prendere dal vortice di voci, insinuazioni e pseudo notizie, e perdere il senso della realtà. A mio parere, quindi, è molto meglio concentrarsi sul lavoro di Michael Jackson e lasciare il sensazionalismo da parte.

    Joie: Non potrei essere più d'accordo con te.


    Willa: Ma un aspetto interessante di Michael Jackson è che nella sua arte ha affrontato i complessi temi come i media, l'opinione pubblica e il pregiudizio, e le difficili interazioni tra loro. E la settimana scorsa, è successo qualcosa che ha davvero richiamato la mia attenzione su di esso. L’avvocato di Wade Robson, Henry Gradshtayn, ha detto in una dichiarazione che “Michael Jackson era un mostro, e, che ogni persona normale in cuor suo, lo sa.”


    Joie, quante volte Michael Jackson ci ha messo in guardia su questo - di “persone normali”, che hanno paura di chi è diverso, immaginando esso un “mostro" a causa di questo timore? Questa è la trama centrale del film Ghosts. (Posso effettivamente chiudere gli occhi e immaginare il Sindaco che pronuncia le parole di Gradstein, durante il lungo discorso, quando si sta confrontando con il Maestro: "Abbiamo una bella città normale, la gente normale, i bambini normali…. Non abbiamo bisogno di mostri come te …"). Egli si riferisce anche alla paura, di Thriller, che, di fatto, fornisce lo sfondo psicologico di questo cortometraggio. Thriller “funziona” perché riflette bene la sensazione di paura. E questo è esattamente cui sta parlando in Is It Scary, Threatened, e pure in Monster.


    Joie: Sai, Willa, è semplicemente assurdo vedere che le persone provino tali sentimenti verso di lui. Secondo me, una cosa è prendere e iniziare a sparlare di qualcuno quando tutti gli altri stanno facendo la stessa cosa. Ma inveire su qualcuno, dopo la sua morte, in modo così crudele ... Sono rimasta davvero sconvolta quando ho letto questa citazione la scorsa settimana. In realtà, non mi sono ancora ripresa dal dolore che mi ha provocato.


    Ma per tornare a quello che hai detto, hai assolutamente ragione. Michael è tornato su questo tema più volte nei suoi lavori. È quasi come se fosse costantemente in prospettiva nei suoi pensieri e immaginazione. E, sono sicura che probabilmente era così. Dopotutto era un soggetto al quale non poteva sfuggire. È stato, letteralmente, “la storia della sua vita”. E penso che sia molto triste. In primo luogo, come hai suggerito il tema per il post di questa settimana, ho pensato subito alla lirica di Monster, e mi sono sentita così svuotata. Capisci cosa voglio dire?


    Willa: Oh, sì! So esattamente cosa intendi ....

    Joie: Beh, in realtà ho fatto un triste profondo sospiro e mi sono sentita appena così devastata. Se mi sono sentita in questo modo, si può immaginare che cosa deve aver provato Michael quando scrisse queste parole:

    Mostro
    Lui è un mostro
    Lui è una bestia


    Abbiamo ascoltato più e più volte questo breve ritornello nella canzone, e spezza il cuore. Egli continua e dice:

    Perché non sono mai soddisfatti di ciò che dai?
    Dai tutto te stesso
    Ti guardano cadere
    E divorano la tua anima come verdura


    Vi siete mai chiesti come doveva sentirsi Michael? Come solitario e triste deve essere stato? Non so se vi sia mai stata su questo pianeta un’anima più sfortunata di Michael Jackson. Questo è veramente straziante quando si pensa all’immenso talento di cui era dotato, e la quantità impressionante di persone che ha reso felice. Eppure lui stesso era addolorato, tragico, triste, una triste creatura.

    Willa: Beh, sì e no. Nel senso, Michael Jackson ha sofferto un livello di denigrazione pubblica, che pochi di noi può solo immaginare. Per me, è semplicemente inconcepibile – va oltre la mia capacità di immaginare ciò che ha dovuto subire. Ma penso abbia anche sperimentato un tipo di gioia che pochi di noi può figurare - la gioia di estasi creativa, di cui abbiamo parlato un po', discutendo Give In To Me la scorsa primavera. Quindi penso che avesse massimi livelli alti come bassi più profondi.

    So cosa vuoi dire, Joie, e credo che le strofe che hai citato siano molto significative, soprattutto questa ultima riga: "E divorano la tua anima come verdura". Uno dei motivi che salta dritto all'occhio – è che riecheggia le parole che ha già scritto molto prima in Wanna Be Startin 'Something, quando ripete alla fine di ogni ritornello e canta queste righe:


    Sei verdura, sei verdura
    Ti odiano lo stesso, sei verdura
    Sei solo un buffet, sei verdura
    Si nutrono di te, sei verdura


    Questa canzone è stata scritta a metà degli anni ‘70, e Monster è stato scritto a metà del 2000, qualche tempo dopo il processo del 2005, un arco temporale di 30 anni, ma entrambe le canzoni esprimono un'idea simile, utilizzando la stessa metafora: la stampa si nutre attraverso di esso (“divorano la tua anima”), proprio come uno zombie in un film horror trova il nutrimento dalle anime dei vivi.

    Quindi, c’è questa inversione interessante, in cui i media lo ritraggono come un “mostro”, ma lui dice che sono i veri mostri. Egli è vivo - vibrante di vita - con la vitalità esuberante di un ballerino e di un artista creativo, ma le loro anime sono morte - non hanno una sola scintilla creativa che li ispira - e quindi stanno cercando di nutrirsi da essa.Egli fa questa esplicita inversione, nelle ultime due volte quando canta il coro, che hai menzionato prima, quando inverte il significato con l'aggiunta di linee intermedie:


    Mostro
    (Perché mi stai inseguendo?)
    Lui è un mostro

    (Perché mi perseguiti?)
    Lui è una bestia

    (Perché stai facendo questo? Perché mi perseguiti?)

    Joie: Willa, penso che sia una splendida interpretazione di Monster, e mi piace quello che hai detto, confrontando la stampa con gli zombie carnivori, che non vedono il momento di alimentarsi della creatività e della vitalità di Michael Jackson. Questa è un eccellente valutazione della situazione.

    Willa: È molto interessante vedere come lui solleva l'argomento, e poi ci gira intorno, giusto? E questa idea che i tabloid si alimentano attraverso di esso, mi ricorda le fauci minacciose in Leave Me Alone, di cui abbiamo parlato lo scorso autunno. Quei denti mordono modellano la linea di basso Leave Me Alone ed è un’estensione dello sguardo agli eccessi dei media, che unisce i moderni media scandalistici con lo sfruttamento dei freak show dei tempi passati. Poi di nuovo, suggerisce che la stampa vuole nutrirsi di lui, e il ritmo del ticchettio dei denti rafforza questo in tutto il video.

    Joie: La cosa veramente interessante per me, Willa, è come, da un lato si erge la stampa, che si riferisce costantemente a lui come un mostro, e ciascuna “talking heads” di tutti gli organi di informazione (sia tradizionale o tabloid), hanno aderito ad essa e si uniscono alla carica. Ma poi dal lato opposto, vi è lo stesso Michael, che punta alla stampa, dicendo molto chiaramente a tutti coloro che vorranno ascoltare che lui non è un mostro ... Sono! È quasi come l’episodio della vecchia serie Twilight Zone, dove tutta la gente di commensali sanno esattamente che c’è un alieno / mostro in mezzo a loro. Solo che nessuno è abbastanza sicuro, appunto, chi è il vero mostro, e tutti si accusano a vicenda! Ti ricordi questo episodio?

    Willa: No, non credo di averlo visto, ma suona davvero interessante. E l'idea di The Twilight Zone mi ricorda Threatened con la voce postuma di Rod Sterling nell'intro:


    Questa storia è piuttosto unica e ha bisogno di una presentazione speciale.
    Un Mostro è apparso in paese.
    L'ingrediente principale di ogni ricetta della paura è l’ignoto.
    E questa persona o cosa la incontrerete subito.
    Conosce ogni pensiero. Può sentire ogni emozione.
    Oh sì, ho dimenticato qualcosa, giusto?
    Ho dimenticato di presentarvi il Mostro.


    E poi si sente la voce di Michael Jackson - lui è il mostro, citato da Rod Sterling. Quindi, siamo in una posizione insolita, in cui ascoltiamo la storia dal punto di vista del mostro.

    E questo mi ricorda una delle prime storie di mostri Frankenstein, o il Prometeo modernodi Mary Shelley. Nel romanzo originale, il mostro di Frankenstein di Mary Shelley lo rappresenta, come una creatura intelligente, un’anima sensibile, che è abusato e maltrattato a causa del suo aspetto che sembra così spaventoso. In realtà, in qualche modo, le persone che incontra sono i veri mostri, perché sono molto crudeli con lui. Ciò solleva la questione, chi è il vero mostro in questa situazione?

    Questa è la domanda che Michael Jackson ha sollevato molte volte. Per esempio, nella canzone Is It Scary, dice:

    Sei tu che mi stai schernendo
    Perché sei tu che vuoi,
    che io sia l’estraneo nella notte.

    E conclude con queste affermazioni molto interessanti:

    Sono stanco di essere abusato
    Lo sai che mi stai facendo paura anche a me
    Vedo il male in te
    Ti fa paura questo, baby?


    In altre parole, il “male” di cui la gente ha paura viene dalle loro menti. Essi impongono le proprie paure a lui, e lui è solo uno specchio, che riflette i pensieri e le paure di se stessi su di loro:

    Poiché il cuore rivela le evidenze
    Come uno specchio rivela la verità?
    Guarda, il malvagio sei tu

    Joie: Sì, questa canzone è così rivelatrice. E in effetti, se ascolti con attenzione, la maggior parte delle canzoni “scary” sono molto significative, scorci profondamente personali su ciò che lui deve aver provato nella vita. E si sa, Willa, ogni volta che mi soffermo su questo, non riesco a immaginare di vivere ogni singolo giorno della mia vita con un simile livello di controllo, e tuttavia essere in grado di andare avanti.Alla fine, penso che si possa sostenere, che Michael non fosse più in grado di continuare così, molto a lungo.

    Willa: Oh, è semplicemente incredibile, ciò che la sua vita deve essere stata, ma siamo in grado di avere un piccolo assaggio con queste canzoni e film Monster, perché una delle cose che vuole ottenere con queste opere, è di mostrarci come ci si sente in una situazione simile – essendo l’oggetto di universali paure.

    Sai, Michael Jackson aveva una incredibile dote umana di empatia. Lo vediamo nel suo lavoro, così come nelle sue interviste. Ogni volta che cercava di capire la situazione, il suo primo impulso è quasi sempre subito di vedere le cose dal punto di vista dell'altra persona. Vediamo questa sua sensibilità ancora e ancora, come in Dirty Diana, dove una groupie sta cercando di manipolarlo, ma invece di respingerla semplicemente, o eluderla e fuggire, come molte rock star fanno, cerca di capirla, per guardare il suo stato d’animo. Si fa qualcosa di simile nelle sue canzoni “scary”, dove non si limita solo a respingere gli attacchi, ma cerca anche di entrare nei pensieri degli aggressori e di capire appieno il motivo per cui si riferiscono a lui come un mostro. (E tra l'altro, questo processo emotivo di empatia, è una delle ragioni per cui sono sicura non avrebbe mai molestato un bambino, oltre a tutte le prove. Se si dispone di una tale comprensione superiore, non si può abusare di nessuno, perché sei più che consapevole di come questo abuso deve essere per loro). E incoraggia anche noi a cercare di vedere le cose dal suo stato d’animo.

    Quindi, un modo di interpretare le sue opere “scary” è quello di vederle come una forma d’arte per lui per risolvere questi problemi ed esplorare perché la polizia, la stampa e il pubblico erano così insistenti nel loro desiderio di vederlo come un mostro - e ci sono importanti ragioni culturali e psicologiche per spiegare perché questo continua a succedere. Come ci racconta in Threatened: “Non sono un fantasma dell’inferno / ma ho fatto un incantesimo su di te." Egli è "l’Altro", il "Monster", la personificazione della differenza, che affascina e ci spaventa – è la “magia” che ha nell'immaginario pubblico - ma lui è un altro che sembra conoscerci troppo bene:


    Avete paura di me
    Perché sapete che io sono una bestia
    Sono il morto vivente,
    I pensieri più oscuri nella vostra mente
    so cosa avete appena detto
    È per questo che vi devo minacciare.


    Così, temiamo che sia una “bestia”, ma una bestia molto intelligente, una bestia che conosce “i pensieri oscuri nella vostra mente” e può influenzare emotivamente e psicologicamente in un modo che non comprendiamo pienamente - e cosa c’è di più spaventoso di quello? È per questo che ci dice: “Dovreste guardarmi / Dovreste sentirvi minacciati” perché rappresenta i nostri peggiori timori.

    Ma non è proprio chi è - in realtà, lui non è davvero un mostro - è solo un riflesso dei nostri pensieri. Stiamo semplicemente dando sfogo a tutte le nostre paure più profonde, proiettandole su di lui.

    Joie: E l'amara verità è che lui stesso ha fatto da bersaglio molto facile. Michael lo ha reso semplice per coloro che possono proiettare la loro follia su di lui quasi senza sforzo. Ma lui ha teso l’altra guancia sempre con tanta dignità e grazia, senza mai abbassarsi ai loro standard, mai ha risposto con rabbia. Questo non è il comportamento di un mostro, vero?


    FINE

    - Fonte: http://dancingwiththeelephant.wordpress.com/

    - Traduzione di: Grazia28 per mjjforum.it
    Per favore, non utilizzare questa traduzione in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

    [copyright][/copyright]

    Ultima modifica di Grazia28; 06-10-2014 a 10:39 PM

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Dangerousboy89
    Registrato dal
    Jul 2011
    residenza
    Toscana - Licciana Nardi
    Messaggi
    1,289
    bellissimo articolo

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Jackson 95
    Registrato dal
    Oct 2012
    residenza
    Neverland
    Messaggi
    704
    "Prejudice is ignorance" diceva Michael ma la gente ancora non lo capisce...
    In our darkest hour
    In my deepest despair
    Will you still care?
    Will you be there?

 

 

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 03:49 AM.
Powered by vBulletin® Version 4.1.2
Copyright © 2014 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it